Top 10 personaggi OP negli anime

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Fin troppo spesso si sente parlare di personaggi OP negli anime/manga. Ma vi siete mai chiesti cosa significhi essere davvero OP?

OP è l’acronimo per Over-Powered, che si può tradurre (non letteralmente) con Oltremodo Potente, che in sintesi è un personaggio davvero troppo forte per la “storia” in cui si trova. Spesso si confonde un personaggio OP con un “personaggio cazzuto”, ma in verità il secondo caso è, almeno di solito, la rappresentazione di qualcuno che non si arrende e sa il fatto suo.

Per citare un manga che ha fatto storia, Berserk, un personaggio OP sarebbe uno dei cinque della mano di Dio, essendo possessori di poteri sovrannaturali senza pari. Un personaggio cazzuto sarebbe invece Guts … lui è un semplice umano, ma stacca tranquillamente le braccia ad un apostolo e ci mena altri apostoli, nonostante non sia dotato di capacità estremamente marcate.

Abbiamo deciso quindi di rilasciare una piccola classifica di personaggi OP negli anime/manga perché crediamo che con i giusti esempi si possa comprendere meglio il concetto. Spoiler Alert! Non saranno presenti in classifica i personaggi di Dragon Ball, Dragon Ball Z e Super perché altrimenti la classifica si sarebbe ridotta a: Top 10 personaggi di Dragon Ball.

 

10 – Escanor (The seven deadly sins)

 

Escanor

 

Diciamo che i sette peccati capitali è un po’ la “sagra del personaggio OP”, in cui quasi tutti hanno i loro cinque minuti di gloria. Meliodas in quasi ogni puntata essendo il tipico ragazzino straforte e maniaco, incarnazione di un demone che [Bla, bla, bla, inserire qui solita storia trita e ritrita].

Tra le fila dei sette peccati capitali però c’è un personaggino mingherlino, con gli occhiali ed i baffetti da stalker che è l’incarnazione dell’invincibilità: Escanor. A vederlo non si direbbe, ma quando c’è da combattere mostra un fisico da far impallidire anche The Rock, e anche se di notte è piccolo e gracile di giorno acquisisce pienamente i suoi poteri. A mezzogiorno preciso, quando il sole è nel punto più alto, lui incarna il 100% dei poteri del suo peccato (la superbia) ed è letteralmente invincibile.

Mette le mani anche addosso a un Meliodas impazzito calandogli palate a pioggia fitta nonostante fosse il protagonista, fate un po’ voi!

 

9 – Shigaraki Tomura (My Hero Academia)

 

Shigaraki Tomura

 

Shigaraki non è mai stato un personaggio particolarmente forte in My Hero Academia (Boku No Hero Academia in originale), e tra i villain non è mai neanche stato il più pericoloso.

Anche se è il nipote della maestra del più grande degli eroi (All Might), ed è il discepolo di All for One, non era al pari di Stein o Kai Chisaki della Yakuza. Aveva il potere di sgretolare qualunque cosa venisse toccata con tutte e cinque le dita della mano e bastava non farsi toccare per dargliene a sazietà. Dopo un duro allenamento (e un arco narrativo a lui dedicato) ha appreso l’abilità di sgretolarti anche a distanza se tocchi una superficie che lui sta toccando.

Già questo non è male, ma ora è diventato il villain più OP di tutti. Dopo qualche operazione di Kyudai Garaki, Tomura è adesso un vero e proprio Dio vivente. E ha solo il 75% dei suoi reali poteri.

Non vi elenco tutti i Quirk che ha sviluppato per non fare troppi spoiler, ma quando l’eroe EreserHead (alias Shota Aizawa) gli ha tolto le sue unicità con i suoi poteri, Tomura era comunque più forte, più veloce e più resistente di All Might. Si è infatti beccato due Smash al 100% del protagonista: uno gli ha fatto il solletico, l’altro lo ha bloccato mordendo il pugno … e si sa, se usi la bocca per fermare un colpo mortale sei OP!

 

8 – Ikki di Phoenix (Saint Seiya)

 

Ikki Phoenix

 

In Saint Seiya ci sono un sacco di personaggi OP. Se sei un cavaliere d’oro già lo sei di base. Sei più forte di un esercito, i tuoi colpi superano la velocità della luce e quasi niente può ferirti finché indossi l’armatura d’oro.

Se poi sei al livello di Saga di Gemini, Shaka di Virgo, Manigoldo di Cancer o El Cid di Capricon puoi farne delle belle (e non mi dilungo ad elencarli tutti); ma tra i cavalieri dello zodiaco c’è uno che spicca sempre quando si parla di personaggi OP: Ikki di Phoenix.

Ikki non è forte, di più. Oltre ad essere stato considerato (erroneamente, ma è un’altra storia) il più forte tra i cavalieri di Bronzo, avere un’armatura che si rigenera più forte se distrutta, e apparire immortale come la fenice, è sempre stato superiore a tutti i cavalieri d’argento. È riuscito a tenere testa a Saga e Shaka (sconfiggendo quest’ultimo e  ottenendo il settimo senso) ed è l’unico cavaliere su cui “realmente” un colpo non ha effetto due volte.

Anche se lo dicono tutti.

Inoltre è sceso negli inferi da vivo senza aver avuto bisogno dell’ottavo senso o del sangue di Atena, e ha preso a schiaffi i tre giudici infernali, i servi più forti di Hades.

 

7 – Yoshida Shouyou (Gintama)

 

Yoshida Shouyou

 

Non lo avrei mai detto iniziando a leggere Gintama, ma esistono davvero tanti personaggi OP. C’è Jirocho, l’anziano capo di una famiglia mafiosa che ammazza alieni con estrema facilità nonostante l’età; l’Umibozu, che oltre ad essere il più forte del clan Yato (alieni ispirati ai Saiyan) è letteralmente il più forte dello spazio. E c’è Hedoro, un alieno simile a un Oni dalla forza capace di soggiogare interi pianeti, ma che vuole fare il fioraio.

Tra tutti questi esseri straordinari (che superano di molto le capacità del protagonista dai capelli argentati), c’è Shouyou, l’ex maestro di Gintoki, Takasugi e Zura.

 

Yoshida Shouyou

 

Shouyou è un alieno immortale, che per anni è stato torturato dagli esseri umani che volevano testare le sue incredibili capacità; per farvi capire, può rigenersi da una sola cellula, molto più rapidamente di Deadpool. Come sempre ha una forza e una velocità senza pari, ed è stato sconfitto solo dall’Umibozu in uno scontro fisico – che poi è riuscito a soggiogare grazie alla sua intelligenza e alle sue abilità da stratega.

Può creare burattini guerrieri dai cadaveri dei nemici, che riesce a controllare con la sua mente. Addirittura in uno scontro contro tutti i protagonisti del manga/anime ha vinto lui, riuscendo a combattere anche senza la sua incredibile abilità di rigenerazione. E con gli occhi cavati.

È molto carismatico e riuscirebbe a indurre alla morte un soggetto senza neanche il bisogno di ucciderlo direttamente. Non bisogna sottovalutare mai il suo sorriso innocente.

 

6 – Kenshiro (Hokuto no Ken)

 

Kenshiro

 

Kenshiro è un personaggio umile, parte sconfitto e con la ragazza rapita da un dittatore di una scuola rivale, e questo lo fa infuriare come un caimano stitico.

Non parla quasi mai (parliamo del manga, perché l’anime è tutto un susseguirsi di episodi riempitivi), e quando parla la sua frase più usata è “Sei già morto!“, perché gli basta toccare con un dito qualunque brigante armato per farlo esplodere come fosse fatto di stelle filanti.

Come se non bastasse nel corso della serie riesce a superare tutti i suoi rivali, partendo da Shin, passando per Souther e Toki, arrivando a superare persino colui che era considerato il più forte dei fratelli d’Hokuto: Raoh. Del resto è scritto che il discendente della scuola principale di Hokuto superi chiunque, e non c’è storia né per Nanto, né per Cento e neanche per l’arte d’Hokuto gemellare che affronterà sull’isola dei demoni.

Se considerate che grazie all’ultra istin… ehm, volevo dire alla trasmigrazione dell’anima può diventare più veloce della luce, intangibile e capace di sopraffare ogni tecnica marziale, si parla di un personaggio davvero OP!

 

5 – Raizen (Yu Yu Hakusho)

Raizen

 

Raizen è il discendente demoniaco di Yusuke Urameshi – il protagonista della serie e Detective per conto del Mondo Spirituale – ed è l’esponente più forte della Tribù dei Diavoli, la Tribù di demoni più potenti del regno dei demoni.

È considerato il demone più potente, il Dio della Guerra, il forte tra i forti, nonostante sia malato da secoli perché decise di smettere di mangiare esseri umani dopo essersi innamorato di una donna. Gli è bastato infondere un briciolo del suo potere in Yusuke per risvegliare la sua discendenza demoniaca, per donargli la forza necessaria a sconfiggere Shinobu Sensui, il più forte tra gli umani e tra i detective spirituali.

E se da malato, affamato, prossimo alla morte, sei così forte da essere temuto da interi eserciti di demoni, meriti pienamente il titolo di Personaggio OP.

 

4 – Alucard (Hellsing / Hellsing Ultimate)

 

Alucard

 

In Hellsing ci sono tanti personaggi fortissimi. Ci sono assassini che infondono energia nelle carte da gioco, vampiri cecchini i cui colpi di fucile possono abbattere navi da guerra, e c’è padre Anderson, un prete umano che ammazza demoni e vampiri con le lame delle baionette.

Tra tutti questi personaggi spicca Alucard, che è letteralmente il conte Dracula.

Dracula di per sé è già il vampiro più potente di sempre, ma questa versione in particolare le supera tutte. Oltre ad essere un pistolero dalle incredibili capacità (e qui potrebbe duellare con Vash the Stampede o Ryo Saeba senza difficoltà), può vantare una vasta gamma di poteri sovrannaturali. È super forte, super veloce, è super resistente ai danni, vanta riflessi sovrumani, è immortale, può diventare invisibile, intangibile, può teletrasportarsi, è un telepata, telecinetico, manipola la forma del suo corpo e può controllare gli altri … e questo fin quando tutte le limitazioni sono attive.

Quando Alucard perde le sue “catene” e ritorna ad essere Dracula diventa una legione ed oltre ad ampliare pienamente tutte queste capacità può diventare una legione utilizzando le abilità di tutte le anime che ha divorato.

Scusate se è poco.

 

3 – Sosuke Aizen (Bleach)

 

Sosuke Aizen

 

Ok, ammetto che Aizen è il mio personaggio preferito della serie, perché non solo è quello scritto meglio, ma è anche un figo incredibile. Il suo fascino è indiscusso nonostante la sua natura estremamente oscura.

Aizen da solo è riuscito a sconfiggere tutta la Soul Society e nel “libro delle anime” di Bleach – il libro ufficiale stilato dall’autore Kubo in cui riportava il livello di tutti i personaggi della sua storia – è tra i più forti. A livello di forza e velocità non ha mai avuto rivali in tutta la Soul Society, è riuscito infatti a fermare il Bankai di Ichigo, Tensa Zangetsu, utilizzando solamente un dito, giusto per mostrare il divario di forza tra sé e gli altri.

Grazie alla sfera magica Hogyoku riesce ad aumentare a dismisura le sue abilità e farle evolvere per ben quattro volte, diventando oltremodo potente rispetto chiunque sia stato così stupido da sfidarlo. E questo senza contare i suoi poteri illusori o le sue abilità da stratega; nonostante verrà sigillato a causa del suo potere devastante, sarà fondamentale il suo intervento contro il nemico finale della storia. Per la serie “senza di lui erano cavoli amari per tutti.”

Aizen merita senza alcun dubbio l’apertura del nostro podio, anche perché con la sua illusione può indurre chiunque a fare ciò che vuole.

 

2 – Anti-Spiral (Sfondamento dei cieli Gurren Lagann)

 

Anti-spiral

 

L’Anti-Spiral è l’antagonista principale della serie Tengen Toppa Gurren Lagann. Esso è un entità aliena che ha raggiunto il massimo livello di evoluzione, e comprendendo che questo potere potrebbe diventare un pericolo per l’universo stesso ha deciso di diventare il guardiano di quest’ultimo eliminando sul nascere ogni minaccia.

È letteralmente un Dio. Non importa quanto forte, veloce, intelligente o abile tu sia, lui ti farà provare la disperazione più nera scendendo al tuo livello e sconfiggendoti da pari.

Si è sempre comportato così fin quando non ha trovato sul suo cammino un gruppo di uomini e donne intenzionati a non arrendersi. Combattendo per ciò in cui credevano, i protagonisti sono arrivati a evolversi durante lo scontro con una velocità tale da sorprenderlo prima che potesse avviare una contromisura.

Perché sì, Anti-Spiral avrebbe potuto cancellare in un attimo i suoi nemici, ma intenzionato ad affrontarli sullo stesso livello viene sconfitto per un eccesso di superbia. Non solo può apprendere qualunque abilità dei suoi nemici migliorandole, ma può controllare tempo, spazio e alterare le probabilità matematiche a suo piacimento.

 

1 – Arale (Dr. Slump)

 

Arale

 

Quando fu chiesto scherzosamente a Toriyama, anni ed anni fa, chi fosse più forte tra Son Goku e Arale, l’autore rispose che era Arale la più forte.

È difficile pensare ciò, ma abbiamo visto nella serie Dragon Ball Super che per tenerle testa il nostro Saiyan ha dovuto raggiungere il grado di Super Saiyan God Super Saiyan, ovvero il Super Saiyan Blu, per tenerle testa. Questo dopo che la robottina ha fatto fare il giro del mondo a Vegeta con un unico colpo. In quell’occasione, tra le altre cose, il principe dei Saiyan sfondò la quarta parete affermando che non ha voglia di combattere con personaggi comici per via di questi risultati surreali.

Arale è una piccola androide costruita dal Dr. Senbee Norimaki, affettuosamente conosciuto come Dr. Slump, che avrebbe dovuto mostrare al Dr. Gelo come si costruiscono dei veri cyborg invincibili. La piccolina non solo ha una forza tale da riuscire a tener testa ai due Saiyan più forti del multiverso senza difficoltà, ma è così veloce da poter fare più volte il giro della terra in pochi minuti (come il Gotenks SSJ della saga di Majin Bu). E se dà “affettuosamente” un buffetto ad un pianeta può dividerlo esattamente a metà!

Il suo unico punto debole è la miopia, perché durante la progettazione Sanbee ha fatto degli errori di calcolo. Avrebbe però dovuto calibrare meglio il modo di salutare della sua “sorellina”: quando urla il suo tipico saluto (“ciriciao!” nel doppiaggio italiano) ha una forza tale da eguagliare il più potente dei ruggiti atomici di Godzilla, che ricordiamo possono sgretolare un meteorite grosso come New York in rotta di collisione con la terra.

 

Arale cosplayer
Una Arale non troppo cresciuta direttamente dalla Bottega delle Gemelle

 

Tra i personaggi OP Arale è sicuramente la più OP di tutti. Dovete sapere che nel videogame Jump SuperStar e Jump Ultimate Star (disegnato da Murata, il disegnatore di One Punch Man), il multiverso della rivista Shonen Jump fu stravolto e fuso perché il dottor Mashirito, la nemesi di Senbee Norimaki, cercava un potere tanto grande da permettergli di sconfiggere Arale … ma non riuscì a trovarlo!!!

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies per garantire ai suoi utenti di usufruiredi una esperienza di navigazione migliore. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie policy e la nostra Privacy Policy.