MechaTop: Parte la sua campagna Kickstarter

Oggi parliamo di Kickstarter, il sito web statunitense creato per fornire finanziamento collettivo a progetti creativi di ogni tipo. Tramite questa piattaforma sono stati finanziati ogni genere d’impresa come film indipendenti, videogiochi, album musicali, spettacoli teatrali, fumetti indipendenti, e addirittura imprese legate all’alimentazione e al giornalismo.

Sempre più persone si affidano a Kickstarter per mostrare i propri progetti al mondo e chiedere una mano concreta a chi ne è interessato, che potrà poi contribuire con un’offerta libera.

Oggi parleremo del Kickstarter di MechaTop, un progetto di Tabletop System LTD di cui abbiamo già parlato qui, pensato per offrire agli appassionati di GunPla e simili (i modellini in kit di montaggio legati alle varie serie animate del genere mecha) la possibilità di scendere in campo e avventurarsi in battaglie epiche a bordo del loro robottone preferito.

Il kickstarter partirà oggi (22 Giugno 2020) e presenterà un titolo con molte novità.

 

MechaTop: Il Tabletop System che gli amanti dei mecha aspettavano

Come già detto nella nostra prima recensione, questo gioco da tavolo è quello che tutti i fan dei robottoni aspettavano.

I modellini lasciati a prendere polvere sugli scaffali ora prendono vita e ci permettono di lanciarci in avventure interattive sempre nuove e diverse, dove saranno offerte campagne PVE (giocando contro un’intelligenza artificiale) o PVP (scontri all’ultimo ingranaggio contro degli avversari umani).

Anche se la campagna di crowdfunding su Kickstarter è pronta a partire, dovete sapere che per i nostri amici di MechaTop non è stato tutto rosa e fiori. La prima ricerca di fondi per GunplaTop sarebbe dovuta partire il 20 Gennaio di quest’anno, ma a causa dei ritardi per la firma della controparte nipponica nei contratti di licenza, l’intero progetto ha subito una battuta d’arresto.

 

mechatop
Ecco come si presenta la ricompensa per i partecipanti del crowdfunding

 

Da ciò che si è intuito nel comunicato stampa uscito sui canali social del gruppo, alla Sunrise (che detiene i diritti su Mobile Suit Gundam) non andava a genio una modalità di gioco in cui i piloti avessero delle capacità potenziabili con l’avanzamento nelle campagne; detta in parole povere, non pratici di wargame, hanno visto nella scelta di avere piloti dalle abilità “migliorabili” il pericolo di avere uno sconvolgimento della storia canonica dello stesso Gundam.

Questa era un’ipotesi che non potevano accettare. Per fortuna questo ha dato il tempo al gioco di evolversi e il continuo miglioramento del progetto ha aperto la strada verso un futuro più radioso.

 

Il Kickstarter di MechaTop

Ho avuto modo di parlare con gli ideatori del progetto in questi mesi di blocco forzato e abbiamo discusso delle novità del loro titolo.

In primis, grazie al lockdown che gli ha concesso più tempo per lavorare al progetto, è arrivata la modalità per giocatore singolo: un sistema che permette di giocare da soli contro model kit avversari controllati da un sistema automatico/occasionale.

Sembrerà strano dirlo, ma molto spesso l’IA delle miniature nei giochi da tavolo sono più argute e pericolose delle IA di molti videogiochi. Ne è la prova Dark Souls, in cui il comportamento dei nemici del gioco da tavolo segue una logica migliore rispetto quella del videogame. E a dirla tutta, è anche più pericolosa.

Il comportamento del nemico qui segue questa logica: ogni unità controllata dall’intelligenza artificiale deve lanciare un dado a 6 facce per la pianificazione:

1. Attacco (all’unità più vicina).
2. Abbattere (l’unità più danneggiata)
3. Carica (se possibile)
4. Difesa (se non ingaggiata)
5. Ingaggio
6. Affiancamento (Flanking)

Ogni risultato poi dispone di 4 opzioni:
– Nel raggio d’azione con arma carica
– A portata di tiro con arma scarica
– Fuori portata con arma carica
– Fuori portata con arma scarica

 

controllo mechatop
Questi sono i controlli “del cockpit” a vostra disposizione

 

A seconda della situazione in cui si trova, l’unità dovrà eseguire determinate azioni. Sono stati fatti più di 30 test per perfezionare la meccanica, e quando si è trovato il migliore equilibrio dell’IA si è passati alla creazione di diverse modalità di difficoltà.

Easy – Il giocatore A.I. ha lo stesso punteggio del giocatore umano;
Normal – A.I. ha il 10% di punti in più del giocatore umano;
Hard – A.I. ha il 15% di punti in più del giocatore umano;
Very Hard – A.I. ha il 20% di punti in più del giocatore umano.

 

I nuovi componenti di MechaTop

Oltre che alle modalità di gioco, si è lavorato molto anche sui componenti da offrire per ogni finanziamento. Si è così deciso di limitare gli articoli in plastica che richiedono uno stampo costoso (come ad esempio le basi esagonali addizionali), e grazie a questa e ad altre piccole accortezze il limite di finanziamento è sceso da 75.000 a 17.500 sterline.

Si è deciso di modificare la composizione del set di base, che non solo avrà più elementi rispetto quelli offerti prima, ma il cui costo è sceso da 59 a 39 sterline inserendo nuovi oggetti; tra questi il token “attivato”, token “fumogeno”, token “danno collaterale subito”, token “attacco finale pronto” e altri ancora da sbloccare attraverso gli stretch goal opzionali.

Il sistema degli stretch goal, oltre all’aggiunta di elementi fisici, permetterà ai sostenitori di dire la loro: tramite un sondaggio sarà decisa la prossima unità mecha di cui il gruppo di playtest dovrà sviluppare la carta. Queste carte verranno poi aggiunte, alle oltre 220 già realizzate e che potete trovare qui.

Non mancano i manuali, si è infatti deciso di aggiungere la possibilità di acquistare, attraverso gli add-on, delle guide in formato A5 relative all’universo MechaTop:

Il Libro della Campagna – 6 classi pilota aggiuntive e un sistema di level-up più avanzato, per consentire il “multiclassing” e l’acquisto di competenze da altre classi. L’introduzione al background crossover di MechaTop e una campagna correlata per 1-8 giocatori con 24 missioni. Suggerimenti per creare le proprie campagne “evolutive”. Suggerimenti per creare le proprie campagne di “sopravvivenza”.

Il Manuale Strategico – Scritto a 6 mani dai 3 migliori play tester di MechaTop, durante questi 3 anni di test del gioco. I giocatori avranno a disposizione la loro esperienza per affrontare, in modo più consapevole, le varie battaglie contro i più disparati avversari. Dalle diverse strategie di avanzamento, ai rischi calcolati di cui tenere conto nel fare certe scelte, ai piccoli trucchi che fanno la differenza tra la vittoria e la sconfitta al fine di vincere la battaglia.

Il lavoro maggiore tuttavia lo ha richiesto il sistema di scheda statistica mecha.

 

Crea il miglior Mecha di sempre!

Il regolamento del gioco guiderà i giocatori passo passo per la creazione della scheda di statistica del mecha e cercherà di mantenere un equilibro stabile tra i robottoni:

1) Identifica il livello di tecnologia dell’unità/mecha (dal livello 1 al 3);
2) Stabilisci il numero di punti di struttura del mecha (a seconda delle sue dimensioni e del livello tecnologico);
3) Definisci la resistenza della corazza e i suoi dadi difensivi (in base al materiale di cui è fatto);
4) Definisci la resistenza dello scudo (se ne ha uno), i suoi punti di struttura e i suoi dadi difensivi (in base alle dimensioni e al materiale di cui è fatto);
5) Definisci la velocità del mecha (tra “Tank”, “Slow”, “Average”, “Fast” e “Jet”) e calcola il suo costo in base al totale dei punti di struttura (corazza + scudo);
6) Seleziona le caratteristiche speciali dell’unità. Ci sono alcune limitazioni: un Tank per esempio non può avere la caratteristica “Aircraft”, un “Aircraft” deve avere almeno velocità “Jet” e così via
7) Scegli le armi: puoi equipaggiare il mecha con un massimo di 13 armi (montate sul telaio e nelle sue mani). Ricorda che se equipaggi la tua unità con molte armi, il suo valore movimento costerà più punti.

 

great mazinger z
Statistiche ne abbiamo?

 

Se non si trova nella lista l’arma più appropriata per la propria unità non c’è da preoccuparsi, sarà fornita la possibilità di creare la propria arma (o una versione aggiornata di quelle disponibili). L’algoritmo valuta il costo della nuova arma secondo diverse variabili: se l’arma si impugna con una o due mani, se l’arma è montata sul telaio, la gittata dell’arma, il danno potenziale (danno massimo che l’arma può infliggere) e il tipo dell’arma stessa.

La messa a punto di questo algoritmo ha richiesto molti playtest e circa due anni di perfezionamento.

 

Conclusioni su questo Kickstarter

I Kickstarter, come già detto, sono un’opportunità a cui tutti possono attingere per veder realizzato un determinato progetto, e questo MechaTop ci piace particolarmente.

Tra l’altro, non è finita qui. Esiste la possibilità di portare a casa più pezzi originali di MechaTop, ovvero i modelli realizzati durante il periodo di testing del gioco. Questi modelli, realizzati in singola copia, saranno disponibili sul sito di e-commerce contemporaneamente al lancio su Kickstarter, fino ad esaurimento scorte. E tutti i collezionisti sanno che un pezzo unico al mondo non può che arricchire una qualunque collezione.

Per gli italiani che parteciperanno alla campagna di crowdfunding sarà possibile evitare le spese di spedizione, ritirando MechaTop presso uno degli eventi nazionali che si svolgeranno nel 2021. Quando riceveranno il pledge manager, dopo la campagna Kickstarter, potranno selezionare questa opzione riferita a uno degli eventi programmati.

Ammetto di parlare da fan dei robottoni, ma basta guardare oltre la superficie per capire tutto il lavoro e l’impegno dietro a questo progetto. Pertanto non possiamo che augurare buon lavoro agli amici di Tabletop System.

Lanthimos

Alla scoperta di Lanthimos

Preciso che non sono esperta della cinematografia di Yorgos Lanthimos, se esperti di qualcosa ci si possa mai definire. L’ho scoperto relativamente tardi quando, dopo

Leggi »