Il ritorno di Oldboy: l’uscita italiana al cinema e in 4K

Oldboy ritorna in Italia. Per l’esattezza lo rivedremo sul grande schermo, a oltre 15 anni dalla distribuzione originale, e poco dopo approderà in home video con una nuova edizione da collezione. Il film cult diretto da Park Chan-wook era uscito in italiano solamente in dvd, e ormai anche le ristampe erano fuori catalogo da diversi anni.

Considerato che il film all’estero era disponibile in alta definizione già dal 2007, potete immaginare quanto fosse atteso (e doveroso) un recupero del genere. Non solo possiamo finalmente liberarci di vecchie copie anacronistiche di questo capolavoro, ma abbiamo anche un altro motivo per tornare al cinema!

 

 

Oldboy

 

Grazie alla partnership tra Lucky Red e Koch Media, Oldboy approderà nelle sale italiane il 9 Giugno, in una nuovissima versione restaurata che sarà anche disponibile per il mercato home video: la nuova edizione limitata in doppio formato 4K e blu-ray sarà distribuita a partire dal 15 Luglio, ma potete già prenotarla qui.

Il box, con custodia digipack a 3 dischi, conterrà:

  • il film in formato UltraHD (blu-ray 4K);
  • il film in formato HD (blu-ray);
  • contenuti speciali (secondo blu-ray);
  • booklet con foto, analisi dell’opera e dettagli di produzione.

 

Oldboy

 

Vi riportiamo inoltre le specifiche diramate dal comunicato ufficiale:

Il film, che si presenta nel suo formato originale di ripresa 2.35:1, con audio 5.1., è stato rimasterizzato in 4K nel 2019, realizzato attraverso la scansione del negativo originale 35mm, con la supervisione costante del regista Park Chan-wook. Il lungo processo di rimasterizzazione, durato un anno, è stato effettuato in una suite certificata Dolby Vision in Corea del Sud. Per il nuovo grading è stato scelto il formato HDR, che ha prodotto un risultato superiore alla masterizzazione originale per la visione Home Theatre, grazie allo sfruttamento dell’intera gamma dinamica presente sul negativo originale.

Per quanto riguarda il reparto extra c’è l’imbarazzo della scelta tra making of (110 minuti), diario di lavorazione (209 minuti), interviste al cast e alla troupe (64 minuti) e scene eliminate (24 minuti); sono inclusi anche uno speciale sul Grand Prix vinto a Cannes, e ben 3 commenti audio. Un adeguato trattamento di prestigio per un film che ha lasciato un segno indelebile.

Oldboy è tornato, e noi non vediamo l’ora di mettere le mani su questa chicca per rivederlo come mai prima d’ora.

 

Leggi anche Prima di Parasite: L’ascesa e i film di Bong Joon-ho

Lanthimos

Alla scoperta di Lanthimos

Preciso che non sono esperta della cinematografia di Yorgos Lanthimos, se esperti di qualcosa ci si possa mai definire. L’ho scoperto relativamente tardi quando, dopo

Leggi »